Rss

  • facebook
  • twitter
  • youtube
  • google

TestadiAlkol

Kristian Ghedina il piu’ grande velocista d’Italia: CONSIGLI ALLE TESTEDIALKOL (clicca qui)

ASAPS il portale sulla sicurezza parla del progetto TESTADIALKOL in Mugello

” Può sembrare un paradosso, ma non lo è: darsi appuntamento all’autodromo per sentirsi dire di guidare con prudenza, che per molti giovani vuole dire ‘andare piano’!
È proprio quello che faranno oltre trecento studenti degli Istituti Superiori “Chino Chini” e Giotto Ulivi” di Borgo San Lorenzo (Firenze), che nella mattinata di giovedì 5 febbraio si ritroveranno al Mugello Circuit di Scarperia per partecipare all’iniziativa “La vita è il vero sballo – Idee per un divertimento responsabile”.
A partire dalle ore 9,30, potranno ascoltare esperti e testimonial d’eccezione, ma anche assistere alla proiezione di video e spot riguardanti la sicurezza stradale e le conseguenze drammatiche dell’abuso dell’alcol sulla guida.
L’incontro è promosso dal Consiglio Regionale Unipol della Toscana, l’Associazione “Bevi con la testa”, il Centro Alcologico Regionale, l’Autodromo, e vedrà la partecipazione, fra gli altri, di Pierluigi Stefanini, presidente del Gruppo Unipol e di Fondazione Unipolis che, con il Progetto Sicurstrada, è impegnata sui temi della mobilità sicura e sostenibile.”

COSA E’ ASAPS?
L’ASAPS, acronimo di Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, nasce, nel 1991 per iniziativa di un gruppo di appartenenti alla Specialità di Forlì, Cesena, Ravenna e Faenza. Oggi il sodalizio, divenuto in Italia il simbolo stesso dell’impegno a favore della Sicurezza Stradale, conta oltre 25mila soci, tra tutte le forze di polizia e tra la gente comune. Diciannove anni fa, un gruppo di Giacche Blu della Specialità, stanche di sentire discorsi approssimativi o interessati per l’assoluta mancanza di conoscenza dei temi costitutivi la sicurezza sulle nostre strade, divenne uno stimolo formidabile. I professionisti del settore, riuscirono per la prima volta – in Italia – a parlare fuori dal coro, a dire le cose giuste al momento giusto, iniziando così un cammino di studio e di crescita culturale che in altri stati era già lanciato da tempo. L’ASAPS è oggi presente in tutti gli uffici ed i comandi della Polizia Stradale ed in molti della Polizia Locale, con una struttura di oltre 600 tra referenti provinciali e responsabili periferici, con un trend di crescita, anche fra i comuni cittadini, ormai stabilizzato tra i 2 ed i 3mila soci all’anno. La forza di questa struttura è stata la propria capacità di divenire una vera e propria agenzia, paragonabile – per temi trattati e scientificità dell’approccio alle problematiche – agli uffici ministeriali sorti nel corso degli anni in gran parte dell’Europa e del mondo cosiddetto occidentale. Oggi, i suoi osservatori costituiscono una fonte preziosa di dati e considerazioni, sintesi dell’applicazione tra conoscenza pratica del “pianeta strada” e le profonde implicazioni sociologiche che stanno alla base stessa della società moderna, prima tra tutte la necessità di muoversi, per motivi economici o ludici. Insieme a Sicurstrada, l’ASAPS ha realizzato in questi anni moltissimi testi destinati alla diffusione della conoscenza, come “Limiti di velocità? Ecco quelli reali”, “L’alcol e la droga alla guida”, “Non bere più del tuo motore” e “Gli utenti deboli della strada”, il Punto sulla patente a punti, affrontando gli argomenti ad un linguaggio diverso, fatto per essere compreso da tutti. Ultimamente l’associazione ha stampato in diverse decine di miglia di copie un opuscolo sulle regole per la sicurezza dei bambini trasportati in auto e l’Annuario della sicurezza stradale 2010. Nel 2011 l’Associazione dà alle stampe il testo: 1861 -2011 Cintocinquant’anni di Storia dell’Italia Unita visti attraverso le regole della strada. Dai regolamenti di fine ‘800 ai Codici del ‘900, di Giuseppe Franco.

http://www.asaps.it/49109-_giovedi_5_febbraio_al_mugello_circuit_di_scarperia_i_giovani_e_la_sicurezza_str.html

Festival Sanremo 2015: Marco Masini testadialkol: suggerimenti per Capodanno!

Il progetto nazionale TESTADIALKOL realizzato da oltre 50 mila studenti italiani, coinvolge il padrino storico Marco Masini in un divertente video-selfie per la notte di Capodanno!
Gli 11 morti e 800 feriti al giorno sulle strade italiane (di cui oltre il 30% per cause alcol correlate) pongono al centro dell’attenzione nazionale un tema come quello dell’uso e abuso di alcolici prima di mettersi alla guida.
Le Testedialkol vogliono sensibilizzare tutti, giovani e adulti, alla moderazione dei comportamenti soprattutto se si deve guidare un veicolo od una moto!
“Non facciamo le testedialkol, la vita è il vero Sballo!” è il motto creato per questo nuovo anno che arriva!

100 x 100 Capodanno 2015: Brumotti per Testadialkol

Vittorio Brumotti Inviato di Striscia la notizia, noto con il nome di 100% Brumotti, è campione di bike trial e detentore di 10 record mondiali riconosciuti dal Guinness dei Primati. nel videoselfie dedicato al progetto nazionale sul divertimento consapevole TESTADIALKOL avverte tutti, giovani e adulti, sui rischi del guidare sotto l’effetto di sostanze alcoliche.
Il tutto mentre esegue nella sua personale palestra un difficile esercizio con la sua bike: “- se avessi bevuto non potrei attraversare in equilibrio questa trave con la bici! Non fate le testedialkol! Chi si mette al volante ubriaco è uno sfigato di m…….!!” Conclude Brumotti con il suo speciale saluto: “- A BOMBAZZA dal vostro 100×100 Brumotti!”

brumotti 100x100

brumotti pop

http://www.lanazione.it/firenze/brumotti-testadialkol-capodanno-1.531984#1

Irriverente Santa Messa del Calcio Italiano: un regalo natalizio alle testedialkol

Leonardo Fiaschi, voce radiofonica di Radio 101, regala secondi di spettacolo puro da grande artista e imitatore qual’è con una parodia della Messa con gli allenatori di calcio piu’ in vista del momento. Antonio Conte, CT dell’Italia parla con Allegri, Guidolin e Mazzarri. Leonardo Fiaschi è una TESTADIALKOL fin dal 2008 anno di fondazione della Onlus Generazioni Contatti “progetto nazionale Testadialkol”.
BUONE FESTE E BUONA VISIONE!

Christian De Sica: suggerimenti a TESTADIALKOL

Il grande artista di teatro e cinema Christian De Sica, nel suo camerino del Teatro Verdi, riceve le testedialkol e suggerisce come approcciare la vita a modo suo! Con eleganza e stile invita tutti a non “farsi” di alcolici e sottolinea che “la vita è il vero SBALLO!”

600 studenti su alcol-salute-sicurezza: convegno gremito a Careggi: LA VITA E’ UN VERO SBALLO!

MACCHE’ MOVIDA “LA VITA E’ IL VERO SBALLO”: ECCO LA GIORNATA DELLE TESTEDIALKOL
Seicento ragazzi al Cto di Careggi. Lucherini, anima del progetto: “Oggi hanno risposto al nostro invito 16 scuole. La prossima volta coinvolgeremo tutta la Toscana

Firenze, 20 novembre 2014 – Seicento ragazzi al convegno organizzato dalla Direzione generale di Careggi con la onlus Generazioni Contatti, progetto nazionale testadialkol ed il centro alcologico toscano. Obiettivo: sensibilizzare i ragazzi sul tema del consumo di alcol e sulle conseguenze sulla salute.
Coordinati dall’artista fiorentino Gaetano Gennai, numerosi gli interventi che ci sono stati: da Andrea Borghi della polizia stradale che ha fatto vedere con tanto di video cosa può accadere nel mettersi al volante dopo una serata ad alta gradazione a Valentino Patussi, direttore del centro alcologico toscano che ha lanciato ai ragazzi una sfida: “La prossima volta facciamo lezione anche con i vostri genitori”, le sue parole.

Infatti il consumo di alcol non riguarda solo i giovani ma soprattutto gli adulti compresi nella fascia d’età 30 – 50 anni. Diverse le autorità e i personaggi che hanno dato vita a un dibattito aperto sui motivi che stanno portando ad un modo di divertirsi attraverso l’uso di sostanze, alcoliche e non, con comportamenti e mode, spesso importate dall’estero, dalle conseguenze letali per la salute e l’alto tasso di mortalità ed invalidità permanente (11 morti e 800 feriti al giorno sulle nostre strade dei quali di cui oltre il 25% per cause alcol-correlate ). Tra i partecipanti, la vicesindaca e assessora all’educazione Cristina Giachi, il giornalista Alessandro Cecchi Paone, Matteo Lucherini, fondatore e presidente del progetto nazionale ‘Testadialkol’, Paolo Poli, direttore dell’autodromo del Mugello, il comandante della polizia municipale Andrea Seniga e Walter Dondi, direttore della Fondazione Unipolis (Gruppo Unipol).

“Siamo soddisfatti della giornata – dice Matteo Lucherini, presidente del progetto nazionale ‘testadialkol’ – oggi hanno risposto al nostro invito 600 ragazzi provenienti da 16 scuole. Continueremo su questa strada cercando di coinvolgere anche gli adulti e sensibilizzando i giovani sull’uso dell’etilometro. Stiamo lavorando per una nuova giornata di sensibilizzazione, questa volta estesa a tutta la Toscana”. Sono stati proiettati video sia di carattere formativo sul tema ‘abuso di alcol e guida sicura’ oltre allo spot dal più famoso cartoonist italiano, Bruno Bozzetto, sulla sicurezza stradale e i video-selfie di Diego Abatantuono, Cristiano Militello, Ficarra e Picone, Pino Insegno, Piero Angela, Dario Ballantini, Margherita Hack, Paolo Hendel, Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti, Michele Placido, Jerry Cala’. “La vita è il vero ‘sballo’ è un modo interessante – sottolinea la vicesindaca Giachi – per affrontare un problema sociale, di stili di vita, di coscienza e di parecchie cose insieme e che richiede interventi importanti anche da parte delle istituzioni. Non basta proibire, serve anche un lavoro più diffuso e articolato e partecipativo, che ci riguarda tutti. Per insegnare ai più giovani che il miglior sballo è non perdere la vita pensando un attimo prima che sia troppo tardi: usare un etilometro e decidere di non guidare può fare la differenza tra vivere e morire”.

_DSC6000

_DSC6100

_DSC6265

_DSC6342

_DSC6415

_DSC6531

_DSC6767

_DSC6925

_DSC6983

_DSC7020

21 11 14 nazione 2

image.jEE

image.jpgYYY

image.jpYYg

imagLLLe

imaTTTge

KK

lettera ringraziamento ANIA

òòòòòò
1

2

3

QUARANTE RICOVERI OGNI WEEKEND
Firenze, 21 novembre 2014 – Settecento segnalazioni di intossicazione da alcol solo nella notte di Halloween, circa 40 quelle che arrivano da un weekend, un po’ più sopra le righe. Poi: sono 8mila gli accessi all’anno tra pronto soccorso e ricoveri in ospedale per problemi legati all’alcol in Toscana, circa 4mila solo nella città di Firenze. E’ il (triste) bilancio delle folli notti del centro storico fatto di promozioni ad alta gradazione, tour dello sballo, drinking games e serate all’insegna dello shot and go, del bevi e vai, del bevi finché ce la fai.
Questa volta la denuncia arriva dal centro alcologico toscano. Valentino Patussi, il direttore, sul tavolo mette i numeri: «Il 19 per cento dei ricoveri nell’ospedale di Careggi è dovuto a problemi causati dall’alcol. E circa il 60 per cento riguarda persone comprese nella fascia d’età tra i 30 e i 50 anni. Il problema – va dritto al punto – riguarda anche gli adulti che avrebbero bisogno di corsi di educazione proprio come i più giovani.
Patussi fotografa con numeri e casi alla mano il quadro delle notti alcoliche della città, denunciate ampiamente dalle cronache. “Ci troviamo di fronte a tanti gestori, sia di locali che di minimarket, che vendono a ragazzi di età inferiore ai 18 anni, bisognerebbe chiedere i documenti ma in pochi lo fanno. Le segnalazioni che ci arrivano sono numerose – prosegue –. Nell’ultimo periodo ci sono più controlli, ma le sanzioni sole non servono a niente: ci vogliono misure più forti. Chi sbaglia deve pagare perché non dimentichiamoci che nel somministrare o vendere alcolici ci vuole molta responsabilità. Il consumo di alcol incide seriamente sulla salute pubblica: è causa di alti tassi di morbilità e mortalità. Si parla di circa 200 diverse malattie e del 7.4% di tutte le disabilità e delle morti premature”. In Toscana, Firenze è la città con maggiori problemi legati al consumo di bevande ‘super’ per via dell’alta percentuale di turisti, di studenti stranieri e della vasta offerta di serate e iniziative ad alta gradazione e anche del numero di esercizi che ‘trattano’ l’alcol: da un’inchiesta de La Nazione è emerso che solo gli alcol shop sono 457, ben 264 nel centro storico. Palazzo Vecchio ci sta provando a regolamentare le bravate ‘di quelli della notte’ e le ordinanze anti alcol proprio la settimana scorsa hanno portato alla chiusura di 13 minimarket.
Ma è davvero un’ordinanza la soluzione dei problemi? “Non credo – non usa mezzi termini Patussi – che un divieto possa mettere fine all’eccessivo consumo di alcol ai giovani. L’ordinanza non è altro che il frutto di una lotta commerciale tra locali e minimarket che serve a poco, perché ripeto, dati alla mano, non sono solo i giovani il problema ma anche gli adulti, quelli che consumano e quelli che vendono. Tanti gestori avrebbero bisogno di corsi di formazione”.

Andrea Muzzi a Teatro sostiene progetto TESTADIALKOL

“All’alba perderò” (Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore) con ANDREA MUZZI sul palco!
ANDREA CON UNA PARTE DEI PROVENTI DELLA BIGLIETTERIA SOSTERRA’ IL PROGETTO TESTADIALKOL PER LA DIFFUSIONE GRATUITA DEGLI ALCOLTESTE MONOUSO DISEGNATI DAGLI STUDENTI ITALIANI. ALL’INGRESSO MANIFESTATEVI COME “TESTEDIALKOL” MI RACCOMANDO RAGAZZI!

MUZZI testadialkol brasil

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio (S. Beckett)
Mi chiedono se mi dispiace di aver battuto il mio avversario in quel modo. Rispondo: Non priverei mai nessuno dell’esperienza istruttiva di perdere. (A. Agassi) Nella mia carriera ho sbagliato piu’ di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno offerto il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto (M. Jordan)

Il successo è l’abilità di passare da un fallimento a un altro senza perdere l’entusiasmo (W. Churchill)
Cosa ha spinto il pugile Eric Crumble a salire sul ring 31 volte e a subire 31 ko di fila? E perchè il samoano Trevor Misapeka, 130 kg di pesantezza, ha accettato di correre contro la sua volontà (e la sua stazza) i 100 m alle Olimpiadi del 2001? Perchè il giovane bassista Stuart Sutcliffe ha abbandonato dopo soli due anni un complessino di Liverpool che riteneva senza futuro (dallo strano nome “Gli scarafaggi”)? E perchè Giancarlo Alessandrelli, portiere di riserva della Juventus negli anni 70′, dopo 10 anni di “onorata” panchina, scende finalmente in campo e in soli 20 minuti riesce a prendere 3 gol?
Raccontando una comicissima serie di “perdenti illustri” che, loro malgrado, hanno fatto la storia dello sport, dello spettacolo e dell’arte, lo spettacolo affronta con ironia e leggerezza l’ultimo tabu’ della nostra società: il fallimento. Considerato come un semplice fatto negativo, il “perdere” è in realtà la chiave per affrontare le sfide e preparare le vittorie del proprio futuro.
E’ per questo che in scena, mentre un giovane calciatore sta per compiere una azione decisiva in campo, il tempo si ferma e una voce nella testa del ragazzo, interpretata da Andrea Muzzi, gli ricorda di “Non aver paura di sbagliare un calcio di rigore”.
Portando l’esempio paradossale dei tanti che sono entrati nel “Guinness dei falliti”, lo spettacolo è un esilarante inno alla vita, a coloro che non hanno smesso mai di “provarci”, a quelli che non si sono mai arresi. Perchè il segreto della vittoria è in primis accettare la propria paura di perdere e saperla gestire. Quindi, forse, molto meglio avere in camera il poster del coraggioso portiere Alessandrelli (uno che ha atteso dieci anni in panchina prima di perdere platealmente l’unica partita in cui ha giocato), piuttosto che quello di qualche viziata star, narcotizzata dagli sponsor e dai miliardi, che scende in campo svogliata e senza passione.
Scritto da Andrea Muzzi con Marco Vicari (autore per La 7 e Il Fatto Quotidiano) lo spettacolo prende spunto anche da dati scientifici (“Cosa vuol dire ‘farsi prendere dal panico?”, “Perchè ci blocchiamo nelle situazioni ansiogene?”) e dalle moderne teorie della psicoterapia sul tema, alternando racconti di alcuni fallimenti “storici” a consigli pratici su come non aver paura dei “grandi rigori” della vita. Ricordando a tutti che, come diceva De Gregori, un campione non si riconosce dai palloni d’oro o dalle reti ma “dal coraggio, dall’altruismo, e dalla fantasia”.
ANDREA MUZZI: Attore, autore e regista. La sua comicità graffiante e mai scontata caratterizza i suoi spettacoli teatrali. Dopo una lunga collaborazione sul palco con Alessandro Benvenuti, inizia a calcare le scene come attore comico e monologhista, rileggendo in chiave personale temi come gli eterni vizi italici (“Due italini veri”), la forza rivoluzionaria e anarchica dell’amore (“L’amore è geco”) e la libertà di informazione (“Edizione straordinaria” assieme al maestro satirico Sergio Staino).
“Definito da alcuni critici come il nuovo Benigni Muzzi ha nel suo dna artistico anche la dolcezza della comicità di Massimo Troisi. Un misto di candore e ribellione” (IL MESSAGGERO)
MARCO VICARI: Autore comico e satirico. In tv ha firmato “Se Stasera sono qui”, su La7 con Teresa Mannino ed è l’ autore della “nuova leva” dei comici toscani, per i quali cura lo “Zelig Lab”, laboratorio comico toscano campione di incassi per due stagioni consecutive. Come autore satirico ha collaborato con “Il Fatto Quotidiano”, “L’Unità”, “Vernacoliere”, “Mamma” (Rivista Premio Satira Forte dei Marmi) e “Mucchio Selvaggio”. Collabora come autore per molti comici della scena toscana e nazionale. Il suo ultimo spettacolo è “Come truffare il prossimo e vivere felice” scritto con Paolo Hendel.
“Marco Vicari è un autore sempre bravo a coniugare elementi di satira all’interno di strutture piacevoli, fantasiose e spiazzanti” (S. Staino)

WELCOME DAY giornata di festa per studenti italiani e americani con testadialkol

MERCOLEDI 8 OTTOBRE LA SECONDA EDIZIONE DEL WELCOME DAY DOVE INTERVERRA’ L’AMBASCIATORE USA IN ROMA E IL SINDACO DI FIRENZE PER SALUTARE I NUOVI ARRIVATI DAGLI STATI UNITI CHE INIZIERANNO I CORSI PRESSO LE UNIVERSITA’ AMERICANE IN CITTA’. TESTADIALKOL ASSIEME A MERCATO CENTRALE E HARDING UNIVERSITY DARA’ LORO IL BENVENUTO IN UN GIOCO ATTRAVERSO LE STRADE CITTADINE CHE CONDURRA’ AL MERCATO OTTOCENTESCO COPERTO DI SAN LORENZO. LE BEVANDE SARANNO A BASSO CONTENUTO ALCOLICO E CI SARANNO ASSAGGI DELLE TIPICITA’ TOSCANE DI CIBO E DOLCI.
MCF_social_image_8ottobre_F-08

Imitatore emergente e testadialkol della prima ora: Leonardo Fiaschi

CLICCATE E ASCOLTATE
Leo è un imitatore eccezionale, discendente della stirpe dei grandi Noschese e Sabani….oggi interpreta per testadialkol, di cui è padrino fin dal 2008, delle gag imperdibili!

Gigi D’Alessio esporta al sud le testedialkol!

GIGI D’ALESSIO INTERPRETE DELLA NAPOLETANITA’, LE CANTA ALLE TESTEDIALKOL:

Marco Masini e Cristiano Militello ultimi arrivati con lo spot radio testedialkol

CRISTIANO MILITELLO NOTO PER LA SUA RUBRICA “STRISCIA LO STRISCIONE” INTERPRETA ALLA SUA MANIERA IL PROGETTO TESTADIALKOL:

MARCO MASINI IL BRAVO CANTAUTORE VINCITORE DI SANREMO, CANTA LE TESTEDIALKOL:

Diego Abatantuono testadialkol: videoselfie per un Ferragosto consapevole

DIEGO ABATANTUONO INAUGURA I VIDEO SELFIE PER IL BERE RESPONSABILE:

Bevi con la Testa al Mercato Centrale di Firenze!

In collaborazione con Testa di Alkol e Bevi con la testa LA PRIMA DELLE TANTE INIZIATIVE CHE MIRANO A SENSIBILIZZARE AL BERE CONSAPEVOLE CON UMBERTO MONTANO E LA SUA GRANDE “PIAZZA” DEL MERCATO CENTRALE….unico spazio italiano ENOGASTRONOMICO E MOLTO DI PIU’ nell’antico mercato coperto di Firenze!

10498659_572357536206052_8475579402281959900_o

10550995_273098482893814_8301854444205149869_n
Beatrice Contini Bonacossi, Elisabetta Geppetti, Emanuela Stucchi Prinetti, Laura Bianchi e Olga Peluso sono le “Vignaiole” produttrici di vino che nel corso dell’aperitivo al Mercato Centrale offriranno delle degustazioni dei loro vini bianchi, bollicine, rosati e rossi.
Daranno così dimostrazione di come anche un bicchiere di vino può essere – se servito alla giusta temperatura e con gli adeguati accostamenti – un ottimo drink dissetante adatto alla stagione estiva.
Con la partecipazione straordinaria di ANDREA MUZZI, noto attore e comico toscano.

SU RADIO SPORTIVA IL GRIDO “TESTADIALKOL!”

TUTTI I GIORNI SU RADIO SPORTIVA E RADIO BLU L’APPELLO DELLE TESTEDIALKOL AL BERE CONSAPEVOLE CON CARCARLO PRAVETTONI!

DARESTI IL TUO CINQUE X MILLE ALLE TESTEDIALKOL?

5XMILLE 2014

Cesare! Faremo tutti LE TESTEDIALKOL…ops…pardon…volevo dire gli Azzurri a tempo pieno!

NELLA FOTO DI COPERTINA CESARE PRANDELLI CON L’ALCOLTEST SALIVARE IN BOCCA, CHE ABBIAMO DIFFUSO IN OLTRE 30MILA ESEMPLARI GRATUITAMENTE FRA I GIOVANI AI TAVOLI DEI LOCALI.

Cesare tutto lo Stivale è con te: lasceremo da parte le dispute campanilistiche e faremo gli azzurri a tempo pieno per un mese! FORZA AZZURRI E FORZA TESTEDIALKOL, IL VERO SBALLO E’ LA VITA….ANCHE IL CALCIO EH?!

Prandelli Testadialkol  brasil
MAGLIA CABECA DO ALKOL
SPILLA AZZURRI - Copia
Prandelli

Chi diavolo sono le TESTEDIALKOL?

PROLOGO: “La consapevolezza è fenomeno primario, motore dell’universo; energia dinamica che viene prima della materia e genera la materia stessa. solo con la consapevolezza si raggiunge la liberta’ anche da modelli negativi e cattive abitudini ( Alfonso De Virgilis – padrino storico del progetto )

Cosa é Generazioni Contatti  “giovani e adulti comunicano”? E’ una Onlus che nasce nel 2008, con lo scopo di occuparsi di eventi e iniziative  a favore dell’ascolto fra generazioni, concentrandosi in primis, sul tema del divertimento consapevole, legato all’abuso di alcol e sicurezza stradale”.

Chi ne fa parte? Giovani e adulti sono parte attiva della nostra associazione. Il progetto inizialmente denominato “DRINK OR DRIVE” esordì con incontri fra adulti e studenti nei Licei fiorentini estendendosi, negli anni, in molte realta’ italiane quali Piombino, Lucca, Pisa, Crotone, Perugia, Milano, Roma, La Spezia, Savona, Barletta (vedi su sito).

Il progetto oggi si chiama “BEVI CON LA TESTA”ed è realizzato fondamentalmente dalla creativita’ e progettualita’ dei giovani; gli adulti, genitori e non, danno consigli e supporto economico alle idee che gli studenti trasformano in eventi sul territorio  e iniziative sul web; la pagina Facebook ha raggiunto quota 25mila contatti.

Qual è il vostro obiettivo? Sensibilizzare giovani e adulti al tema del divertimento consapevole,  per prevenire atteggiamenti esagerati che portano alle morti causate dalla guida in stato di ebbrezza. Vogliamo, agendo sui tanti che bevono spesso per noia o imitazione di modelli sbagliati, far passare l’equazione che BERE MOLTO = NON ESSER FIGO!

Quale fu la scintilla che fece partire tutto cio’? Da un gruppo di adulti, insofferenti nel vedere sempre delegata ai genitori di vittime della strada, la difficilissima opera di portare attenzione e prevenzione su questo tema sociale, aldilà del fatto di cronaca quotidiano.  Solitamente tutto si compie nei giorni immediatamente successivi alla tragedia, per poi calare spesso il silenzio di organi di informazione e opinione pubblica e istituzioni,  fino alla tragedia successiva (!)

Cosa fate concretamente? Organizziamo iniziative sul territorio e incontri di approfondimento sempre tesi a parlare con le persone e, trovando nuove vie di comunicazione sempre piu’ dirette alla partecipazione della gente, arrivare a parlare di divertimento consapevole, contrastando la tendenza all’abuso di alcool.

Evitiamo di affrontare il tema dal punto di vista della proibizione e cerchiamo di usare messaggi positivi e provocatori, di coinvolgimento emotivo, per far nascere consapevolezza nei comportamenti quotidiani sbagliati, che purtroppo ognuno di noi,    a volte, mette in atto. Quindi un involucro di comunicazione spesso irriverente e divertente che contiene però informazioni approfondite sul delicato tema dell’abuso.

Come è stato possibile confrontarsi così positivamente con i giovani studenti?  Perche’ abbiamo CHIESTO A LORO cosa  avremmo dovuto tutti realizzare per “provocare”  l’ascolto sul tema dell’alcol e della sicurezza stradale.  Gli studenti sono così diventati il cuore pulsante dell’associazione e sono loro che, principalmente, creano le idee e progetti che devono essere student-proof,  a prova  di studente.  Ai giovani, notoriamente, non piacciono le cose “calate dall’alto”.

Siete conosciuti come: “quelli che diffondono gli alcoltest”!  Una delle nostre campagne più frequenti ( quando troviamo i fondi economici, essendo in totale autofinanziamento ) è quella di diffondere gratuitamente gli alcoltest monouso salivari o palloncino,  il cui il messaggio e’:

il test alcolemico è un grande gesto di civiltà e deve essere riconosciuto dal “gruppo” come un gesto condiviso.

Ne abbiamo distribuiti, ad oggi, oltre 50.000 tutti gratuitamente ed abbiamo fotografato con l’alcoltest in bocca noi stessi e tanti volti famosi ( visibili sulla homepage del sito www.testadialkol.it  ).

Perché vi conosciamo anche e sopratutto sul web attraverso il nome “Testa-di-alkol” ?  L’appellativo “TESTADIALKOL” pone l’interlocutore sul piano di immediato ascolto. Le testedialkol sono coloro che vogliono  cambiare abitudini e suggerire a tutti di fare  lo stesso…ma in modo non troppo serioso per non far spaventare i nostri interlocutori su  un tema così fortemente emotivo.  Attraverso idee, spesso estemporanee e un po’ folli, le testedialkol trovano il pretesto per parlare di un argomento come quello dell’abuso di alcool e della guida in stato di ebbrezza.  Il motto è quindi:  NON FAR LA TESTADIALKOL,  DIVERTITI DI TESTA oppure se proprio TI SCAPPA DI FARE LA TESTADIALKOL, USA L’ALCOLTEST e PASSA LE CHIAVI AD UN AMICO. ”

Come avete scelto i testimonial famosi ?  Da Paolo Villaggio a Cecchi Paone, da Prandelli a Veltroni, da Paolo Ruffini a Fiorello, passando per Piero Angela, Cristiano Militello, Michele Placido, Jerry Cala’, Paolo Hendel, Margherita Hack, Diego Abatantuono, Paolo Bonolis e Enrico Ruggeri     ( per citarne soltanto alcuni );  Scegliendo VIP così diversi gli uni dagli altri, vogliamo dare la possibilità a ognuno di riconoscersi nel proprio personaggio e da ognuno abbiamo avuto in regalo “slogan” molto significati per sviluppare nuove idee sulla campagna BEVI CON LA TESTA!  Uno su tutti da Margherita Hack  che ha affermato: “- nell’universo ci sono particelle di alcool in piccole dosi. L’alcool in dosi equilibrate fa girare il mondo e l’universo stesso!!” I Testimonials famosi ci sorprendono ogni giorno  di piu’ per la loro disponibilità  e sensibilità straordinaria a diffondere il nostro pensiero, in modo “creativo”.

Chi vi finanzia?  Purtroppo nessuno… se non amici e sostenitori.  Quindi non perdiamo mai occasione per dire: “- chiunque voglia contribuire è il benvenuto!”  Nel rispettare il volere dei ragazzi per mantenere l’indipendenza totale del progetto, abbiamo rifiutato aiuti da alcuni sponsors commerciali troppo interessati al tema.  Questo è il limite e la forza del progetto: mantenere la “libertà del messaggio” e l’entusiasmo dei ragazzi che si sentono liberi di mandare segnali che non abbiano doppi-sensi!

Bere quanto?  Bere poco e, se possibile, bere bene. Come dicevano i nostri avi: “- il problema non è il bere, ma il ri-bere…” ! Dunque cercare di unire il bere con la testa, gli amici, l’amore,  il sesso, la musica e tutto cio’ che faccia raggiungere il piacere, senza ricercare nell’eccesso la serenita’ e la felicità.

Cosa avete al vostro attivo?  Oltre ai piu’ di  10.000 studenti, 1.500 lavori realizzati fra opere grafiche, spot radiofonici e televisivi, fumetti, foto, racconti e articoli giornalistici.

Poi il sito www.testadialkol.it : la rete del web è la nostra “benzina” perche’ molte delle nostre strategie vengono discusse e realizzate anche attraverso contatti avvenuti sui social. Il Professor Mario Morcellini,  Preside del Dipartimento della comunicazione – La Sapienza (Roma) afferma sulla nostra associazione :

 “ – L’idea delle testedialkol non è tanto di modificare il comportamento di se stessi

ma diventare testimonial di una interpretazione della modernità e della vita in cui non   ci sia bisogno dell’estremismo del piacere ! ”

Presidente lei da’ i numeri, è sicuro di essere Sobrio?  Sono una testadialkol, ma la mia è un’effervescenza….naturale!

Cin Cin allora… un brindisi è consentito? Certo, non siamo moralisti e bacchettoni anche a noi piace divertirsi, ma in modo consapevole, per poterlo fare giorno dopo giorno e ricordiamoci che… IL VERO SBALLO E’ LA VITA!

 

________________________________________________________________________________

Il progetto nato dagli studenti fiorentini BEVI CON LA TESTA e intrattiene collaborazioni con: 

- Universita degli Studi di Firenze;

- Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell’Universita La Sapienza di Roma;

- ex Ministero Gioventù ( oggi – Dipartimento della Gioventù );

- Comune di Firenze con il progetto D.A.V.I.D.;

- Regione Toscana, assessorato alla Cultura;

- Questure di Roma e Firenze, Prefettura di Pisa e varie – amministrazioni locali di città italiane

( citandone alcune: Pisa, Piombino, Scandicci, Savona, Milano, Napoli, Moena, Crotone );

- associazione AACUPI delle Università americane in Italia;

- Aeronautica & Marina Militare Italiane;

- ACF Fiorentina & INTER Calcio;

- Fondazione Antonino Caponnetto;

- Fondazione Rita Levi Montalcini;

- Cooperativa Angel-Service (Milano) – assistenza nelle carceri;

- numerose tv e radio locali sul territorio toscano e laziale;

- istituti scolastici toscani, lombardi e laziali (medie inferiori e superiori);

- associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato locali;

- associazioni vittime della strada (quali Guarnieri onlus e altre);

 

**************************************************************************************************

EVENTI SIGNIFICATIVI TERRITORIO NAZIONALE

 

1) gennaio 2013, Befana degli “Eroi in Divisa” con la Polizia ad Ostia (Roma

2) Capodanno 2013, Polizia Municipale di Piombino diffonde gli alcoltest dell’associazione durante il pattugliamento notturno nella movida.

3) novembre 2012, incontro-dibattito con la Fondazione Rita Levi-Montalcini per il vivere consapevole in Palazzo Vecchio

4) dicembre 2012, spot TV per diffusione nazionale con Paolo Hendel e Giobbe Covatta sul bere consapevole;  lo spot è stato trasmesso allo stadio Meazza  durante il Derby Inter-Milan con diffusione alcoltest ed allo stadio Franchi di Firenze.

5) novembre 2012, sulla web-radio dell’Agenzia Nazionale Giovani si promuove il progetto TESTADIALKOL

6) primavera e autunno 2012, nelle scuole medie inferiori con gli occhiali che simulano gli effetti dell’alcool per un incontro formativo sulla sicurezza stradale

7) Motor Show Bologna 2010 e 2011, presso stand Polizia Stradale e QN per incontri didattici sul progetto BEVI CON LA TESTA assieme alle lezioni di sicurezza stradale del Comandante Borghi della Polizia Stradale (FirenzeNord)

8) Cecchi Paone su TGcom24 nel programma LA MACCHINA DEL TEMPO con il video  realizzato dagli studenti fiorentini sul vivere consapevole con Margherita Hack

9) Festa della Polizia di Stato 2011 a Firenze con mostra dei lavori grafici realizzati dagli studenti sul tema della sicurezza stradale e dell’abuso di alcool.

10) intervistato Piero Angela per realizzazione di video scientifico sul bere consapevole

11) evento con Fondazione Antonino Caponnetto a Roma alla Sala Umberto per la Rassegna della Legalita’

12) partecipazione con video e materiale alla Notte Bianca del Vomero a Napoli (ottobre 2013)

13) Welcome Day con studenti americani nel Salone dei 500 in Palazzo Vecchio a Firenze con mostra dei lavori TESTADIALKOL nella Sala d’Arme (ottobre 2013)

14) evento sulla sicurezza con Polizia Stradale a Piombino nell’ambito di FEDE PER LA VITA (maggio 2013)

15) evento sulla sicurezza con Polizia Stradale a Scandicci nell’ambito della commmerazione della tragedia del Melarancio

16) evento sulla sicurezza al liceo piu’ grande della Provincia Firenze RUSSELL NEWTON con mostra dei lavori TESTADIALKOL (novembre 2013)

17) realizzazione della scritta umana piu’ grande d’Italia a Pisa con oltre 3.000 studenti delle scuole del territorio.

18) diffusione alcoltest e magliette durante la nottebianca di Napoli (VomeroNotte2013)

BARMAN cittadinomodello nera cosa fa alcool negativo foto.JkkPG FACCIA DISPERATA BRACCIALETTI PROMO Cervello Shirt imp maglia rock MARCELLO BONINI Quando Muoio OHMYGOD teskio fiori TESKIO LOGO hd ok maglia imp pagliac LUOMOCHE SUSSURRAVA

IL CAMPIONISSIMO “ON THE AIR” (ASCOLTATE L’AUDIO)

KRISTIAN GHEDINA, campione mondiale pluridecorato di discesa libera….una star soprattutto all’estero dove lo sci è sport nazionale, ha registrato per noi un simpatico spot radio sull’abuso di alcolici.

Lo spot è passato per molti mesi su RADIO SPORTIVA che trasmette in ben 11 regioni italiane.

FORZA KRISTIAN, FORZA AZZURRI, FORZA TESTEDIALKOL!

GODITI LA VACANZA, BUONA PASQUA!

DURANTE LE VACANZE PASQUALI SCEGLI FRA UNA BEVANDA ALCOLICA ED UNA ANALCOLICA…..PUOI SCEGLIERE CON LA TESTA A SECONDA DELLE OCCASIONI E COSI’ DIVERTIRTI SENZA METTERE A RISCHIO LA TUA VITA E QUELLA DEGLI ALTRI.

RICORDATI CHE BASTANO DUE BICCHIERI DI BIRRA PER AVERE UN TASSO ALCOLEMICO SUPERIORE ALLO 0,50 CONSENTITO DALLA LEGGE E, COMUNQUE, ALTERARE LE TUE PERCEZIONI DI GUIDA!

BUONA PASQUA BEVI CON LA TESTA

TESTADIALKOL parla al convegno internazionale “Alcohol Prevention Day 2014″

ALCOHOL PREVENTION MANIFESTO ROMA

ALCOHOL PREVENTION DAY IN ROMA, MERCOLEDI’ 9 APRILE 2014 – CENTRO CONGRESSI FONTANA TREVI

La comunità scientifica ha contribuito nel corso degli ultimi anni a fornire evidenze che hanno sollecitato e indotto una riflessione purtroppo mai sufficientemente approfondita sui rischi e sui danni causati dal bere e soprattutto dai modelli, dalle mode e dalle tendenze che hanno influenzato i comportamenti individuali, soprattutto dei giovani, ma anche le modalità di relazione e di aggregazione che caratterizzano la società moderna. Il mondo dei social network e le tecnologie alla portata di mano di tutti contribuiscono sempre di più alla diffusione rapida di culture del bere alle quali è difficile rispondere con tempestività attraverso le risposte istituzionali e le policy relative all’alcol. Tredici anni di Alcohol Prevention Day hanno evidenziato che è irrinunciabile, utile e indispensabile catalizzare il dibattito attraverso le presentazioni dei dati, le considerazioni e le indicazioni delle azioni dotate di provata efficacia che ogni anno emergono dalla giornata cardine del Mese di Prevenzione Alcologica come rilevante risorsa per la tutela della salute.

Le valutazioni complessive inerenti le prospettive sanitarie, sociali, culturali, economiche, legali che possono contrastare l’impatto rappresentano, infatti, il volano virtuoso che, attivato a livello nazionale, regionale e locale garantisce che l’alcol sia sempre ricompreso nell’agenda pubblica di intervento e prevenzione anche grazie al contributo della società civile e del terzo settore, dei gruppi di auto e mutuo aiuto, dei club alcologici territoriali e di una rinnovata collaborazione con le strutture e gli operatori del SSN.

Il panorama mondiale, la prospettiva europea, l’analisi nazionale del fenomeno causa di un’elevata mortalità (la prima al mondo fino ai 25 anni di eta’), morbilità e disabilità fanno da cornice quest’anno all’identificazione di priorità che sono e restano di interesse del semestre italiano di presidenza UE in cui potrebbe definirsi un Piano di Azione comunitario rivolto ai giovani e al fenomeno del binge-drinking e dei consumi a rischio, oggi fortemente influenzato da sistemi di comunicazione, da una rete mediatica sempre più capillare, di cui il marketing commerciale e la rete dei social network, più che la prevenzione, hanno potuto avvantaggiarsi anche fronte di investimenti fortemente differenziati.

L’alcol, è oramai noto, è causa di centinaia di malattie, numerosi tipi di cancro e di una delle forme più temibili di dipendenza, costantemente in incremento e coinvolgente persone sempre più giovani, più donne e anziani ma impattante anche sulle persone in età lavorativa, nei contesti e nei luoghi di lavoro, con assenteismo e perdita di produttività e fenomeni che richiedono attività di prevenzione per la salvaguardia dell’incolumità dei terzi. Rilevantissimo è anche l’impatto clinico, in particolare sulle patologie epatiche che oggi richiedono una particolare attenzione relativamente alle problematiche connesse ai trapianti di organo.

L’Alcohol Prevention Day 2014, catalizzatore del dibattito che si svolge nell’intero corso del Mese di Prevenzione Alcologica, è sostenuto e finanziato dal Ministero della Salute e svolto e promosso in stretta collaborazione con la Società Italiana di Alcologia, l’Associazione Italiana dei Club Alcologici Territoriali – AICAT ed Eurocare.

Sono intervenute al dibattito alcune associazioni che sul territorio italiano applicano la prevenzione e la diffusione dei modelli positivi sui comportamenti inerenti il divertimento ed il bere consapevole, fra cui BEVI CON LA TESTA nata a Firenze dagli studenti e da Matteo Lucherini.

Avete visto i braccialetti con la Fondazione Antonino Caponnetto?

Con grande soddisfazione e orgoglio gli studenti delle testedialkol presentano i bracciali unisex che abbiamo stampato assieme alla FONDAZIONE ANTONINO CAPONNETTO e ONLUS BEVI CON LA TESTA! Insieme per combattere l’illegalità! Perché dai comportamenti, vedi l’abuso di alcol, fuori dalle regole civili si possono raggiungere comportamenti estremi come ci racconta il rapper CISKY nel suo brano TESTEDIALKOL che potrete ascoltare fra i video della homepage (barra nera a destra).

SE VOLETE RICEVERE GRATIS IL BRACCIALETTO SCRIVETE UNA MAIL A INFO@TESTADIALKOL.IT
VE LO SPEDIAMO A CASA CON LA PROMESSA CHE TU LO INDOSSI E FAI PROMOZIOME DEL NOSTRO MOTTO: “NON FAR LA TESTADIALKOL, IL VERO SBALLO É LA VITA!”

image

Anche a Palazzo Chigi apprezzano Testadialkol (clicca qui)!

Il progetto BEVI CON LA TESTA  ha il plauso ed il sostegno morale del Consiglio dei Ministri che ha sottolineato l’importanza delle nostre attività sul territorio a sostegno della guida sicura e del bere responsabilmente. Per gli oltre 10mila studenti italiani del progetto è una carica energetica di immenso valore per proseguire il duro lavoro in autofinanziamento della Onlus e dei suoi sostenitori e amici.

GRAZIE MINISTRO

 

Lo spettacolo del FLAIR BARTENDER: un modo intelligente di preparare cocktails

222749_10150600984885057_7812177_n317001_10150890977160057_1306265778_n

di Marco Corgnati

GUARDA ANCHE IL CARTOON REALIZZATO DAGLI STUDENTI SU COSA SUCCEDE A FARSI PREPARARE DA BERE DA CHI NON E’ UN PROFESSIONISTA SERIO!

Vi racconto la mia storia da quando nel 2003 dopo svariati casini e numerosi successi professionali ricevetti il ben servito dalla Società che avevo fondato con due “amici”.

Da diversi anni ero protagonista della movida notturna Milanese e nell’alta società nazionle ed internazionale: uno dei migliori Bartenders a livello internazionale, ero ricercatissimo dai localo Top, ero molto “famoso” nel mio settore,guadagnavo bene, facevo promozioni e turnee per agenzie e multinazionali, gli sponsor mi cercavano, il successo nelle competizioni e nel lavoro mi faceva cavalcare l’onda in modo meravigliosamente eccitante! Giravo il mondo con il mio collega e amico Marco Zani (al secolo Marchino), lavoravo per le migliori scuole per bartenders d’Italia, insomma tutto apparentemente andava alla grande.

Apparentemente…si perchè una decina di anni prima nel 1993, un gravissimo incidente in macchina mi costrinse a diversi mesi di ospedale e molti di più di riabilitazione. Quel maledetto incidente avvenuto qualche notte prima di partire per Miami mi segnò il corpo, la mente e la vita per sempre. Mi ritrovai nell’arco di pochi mesi da “ventenne leone e spavaldo” a ragazzo incapace anche di usare un cucchiao con la mano sinistra, o di fare il giro dell’isolato e a volte neppure di stare in casa da solo senza essere preda di attacchi di panico e fobie di vario tipo. Passavano i mesi e la fisioterapia iniziava a dare i risultati sperati, la mia mano sinistra lentamente tornava a muoversi e ad “obbedire” agli imput del mio cervello, la schiena e le altre ossa rotte, grazie all’elasticità dei vent’anni reagivano e tornavano quasi al meglio. Una cosa non riuscivo a superare, il panico che spesso provavo in ambienti troppo affollati o deserti!

Per reintegrarmi e sentirmi più sicuro iniziai a bere e ad usare svariate sostanze che mi “regalavano” l’illusione di non avere paura, di essere sempre all’altezza! Spesso mi svegliavo devastato e completamente all’oscuro di cosa fosse successo il giorno prima, a volte mi destavo in case, macchine o luoghi di cui non conoscevo o ricordavo nessuno o nulla.
Nell’ambiente oltre al soprannome di Marcone la gente iniziava a indicarmi come “Genio e Sregolatezza”, un appellativo “quasi figo” da sentirsi dire! La mia sregolatezza mi fece perdere molte occasioni, diversi appuntamenti, molti “amici” e specialmente tanto tempo e parte della mia vita.
Quando lavoravo non bevevo quasi mai, ma appena finivo, se non dovevo partire per una trasferta, bevevo quantità assurde di alcol che mixavo spesso con droghe di diverso tipo. Era la mia ricompensa, era quello che si doveva fare alla fine del lavoro, era la “festa”, era quello che facevo per essere sicuro di farcela!
Fino a trentacinque anni ho condotto una vita di successi, autodistruzione, e confusione.

Nel 2005 la svolta, mi trasferisco a Firenze e incomincio a pensare alla mia vita, ai casini che alcol e droghe mi avevano fatto combinare, alle cose che avevo vissuto in famiglia, a tutte le persone che ti circondano quando sei un vincente ma spariscono nell’ombra quando cadi! Le stesse che mi dicevano: “tu sei Marcone perchè sei cosi…sei il risultato della tua vita…”
Ho iniziato a studiare a leggere ad interessarmi al perchè, per me e per moltissimi altri, uscire di casa la notte voleva dire solo due cose: andare a lavorare, oppure devastarsi!
Più leggevo e studiavo e più mi accorgevo del tempo che avevo perso per scappare, per paura di vivere la mia vita da lucido, combattendo da lucido con le mie fobie e i miei attacchi di panico. Ho rischiato di uccidermi, di farmi uccidere, di uccidere qualche sconosciuto, tutto solo per paura e perchè quando esci se non ti “stravolgi” cosa esci a fare? Mi ero ritrovato tossico per “necessità”, le scuse e le giustificazioni assurde si rincorrevano tra una notte brava e l’altra, con mille promesse da marinaio…”da domani basta!”
La cosa che mi ha veramente scioccato è quello che sono riuscito a fare durante i pochi anni di lucidità completa che ho vissuto nella mia vita adulta! Dal 2008 ad oggi ho aperto una mia scuola per barman ( una delle migliori d’Italia), ho fondato con Riccardo Carboni ed altri amici la prima associazione costituita da bartenders che raccoglie fondi per aiutare la ricerca sulle malattie rare, ho 43 anni è ho partecipato a ben 240 competizioni internazionali di Flair e Classic Bartending collezionando 87 vittorie e svariati podi, ho formato diverse centinaia di ragazzi che oggi lavorano e operano con coscenza e conoscenza in moltissimi locali della Toscana, mi sveglio sempre a casa mia con la mia ragazza o in diversi alberghi del mondo e mi ricordo sempre quello che ho fatto il giorno prima. Ho una bellissima moto che posso guidare sempre ( sono stato senza patente per circa 10 anni!!! ). Sono ancora uno dei migliori bartenders d’Italia e nelle gare internazionali sono sempre o quasi nelle top 10, rappresento l’Italia ai mondiali I.B.A. da tre anni di seguito, sono il competitore internazionale più “anziano” all’attivo, lavoro e mi alleno molto più di prima, mi sveglio con voglia di vivere e di vincere!

Basta giornate intere buttate via a letto col mal di testa e la voglia di stare solo e al buio fino all’ora di andare al bar…per lavoro o per l’aperitivo!!!
Ho sempre qualche “mostriciattolo” del mio incidente che a volte cerca di farmi paura, ma da lucido fare a pugni con loro è diventato quasi divertente! La mia vita ora è meravigliosa e reale, è fatta di esperienze vissute sulla pelle, con amore determinazione e adrenalina…l’unica droga che uso oggi!

L’alcol si può e si deve usare con la testa, per questo motivo lavoro direttamente sugli addetti ai lavori, la loro preparazione e la loro professionalità spesso è la “salvezza” di molti clienti !

bartender demo

geraldineLUNGA NOTTE GUFO

 

www.thebartendig.com

Testadialkol ed il rap creato per la Terra dei Fuochi: legalità e civiltà due facce della stessa medaglia!

TESTADIALKOL sostiene la battaglia che i cittadini di Napoli e di tutta la Campania han ingaggiato contro l’orrore delle discariche abusive sul territorio.
La canzone che ascoltate è stata scritta e realizzata da Cisky il rapper detenuto nella casa circondariale di Bollate (Milano)

IL PROBLEMA DELLA TERRA DEI FUOCHI NON E’ SOLTANTO DEL POPOLO CAMPANO MA DI TUTTI NOI CITTADINI ITALIANI ED EUROPEI PERCHE’ LA VITA VA PROTETTA CON OGNI POSSIBILE STRUMENTO LEGISLATIVO CONTRO LE MAFIE CHE CI AVVELENANO PER INTERESSI DI DENARO E POTERE.

Ricordiamoci lo slogan coniato dai ragazzi delle testedialkol che vale per ogni progetto sociale ed ogni iniziativa a favore delle persone: IL VERO SBALLO E’ LA VITA! Il mantenimento della legalità contro ogni stortura delle nostre vite…anche l’abuso di alcohol puo’ portare a strade molto pericolose come Cisky ci racconta con la canzone VIA CON L’ALCOL che potete ascoltare scorrendo fra le notizie sulla homepage di questo sito.

Un grazie specialissimo a Claudio Mattone compositore, paroliere ed editore italiano. Nel 2002 la scrittura e la messa in scena del musical C’era una volta…Scugnizzi (sceneggiatura scritta in collaborazione con Enrico Vaime), ambientato tra ragazzi a rischio di una periferia napoletana, con una compagnia di attori-cantanti giovanissimi, quasi tutti alla prima esperienza, un’impresa difficile che ottiene uno straordinario consenso di pubblico e di critica (sbanca il botteghino e vince l’Oscar del Teatro assegnato dall’Ente Teatrale Italiano), e in poco tempo diventa un “cult”. Tra i brani più noti del musical è ‘A città ‘e Pullecenella, una serenata dolce e amara dedicata alla città di Napoli sulla quale il rapper Cisky ha composto, contaminandola alla sua maniera, la canzone contro LA TERRA DEI FUOCHI. Il grande compositore italiano Claudio Mattone speriamo possa concederci liberta’ su questa sua splendida canzone per la giusta causa dei fuochi campani; l’idea è senza fini di lucro e diffusa tramite i social network ai giovani per una partecipazione diffusa. www.testadialkol.it

cisky il  rapper

Grazie Presidente Giorgio!

Il progetto BEVI CON LA TESTA  ha il plauso ed il sostegno morale del nostro Presidente Giorgio Napolitano che ha sottolineato l’importanza delle nostre attività sul territorio a sostegno della guida sicura e del bere responsabilmente. Per gli oltre 10mila studenti italiani del progetto è una carica energetica di immenso valore per proseguire il duro lavoro in autofinanziamento della Onlus e dei suoi sostenitori e amici.

GALLERIA DELLE TESTEDIALKOL: una piccola parte della grande produzione grafica degli studenti

 

image

image

LUNGA NOTTE GUFO

6

8

image

image

image

image

image

image

La Prof Platinette e l’universita’ della Vita: ” la moderazione è condizione necessaria degli esseri viventi!”

« SONO MAURO CORUZZI, alias Platinette, soubrette della parola ». Con una premessa così, non possono che essere convincenti gli argomenti di uno dei personaggi più discussi ma anche più amati della televisione. Che partecipa al progetto delle «Testedialkol» sul bere consapevole. Nel suo messaggio, Platinette va subito al cuore del problema: «- Bisogna bere per continuare a farlo…quindi, meglio andarci cauti  ».

Dunque non si beve più per dimenticare…

« Serve quella moderazione che ci permetta di diluire i liquidi e di mescolarli agli altri. Purtroppo è nelle famiglie che si annida il germe che porta agli eccessi.

Le vite irregolari non sono irregolari a caso ma dipendono dalla vita regolare di qualcun altro che ti fa pesare la differenza».

I famosi vecchi valori…

Mi piacerebbe che ci fosse un’idea di nuovi valori. Vizio e deviazione devono essere un fattore di normalità e non di differenza. Oggi non fa più sensazione che  una transessuale presenti un programma in televisione come accade per Luxuria con l’Isola dei Famosi. Il vizio fa parte della nostra esistenza, è la moderazione la condizione necessaria per continuare a essere degli esseri viventi e non dei monoliti ».

Come convincerebbe un giovane a non abusare dell’alcol?

«Il fatto che lanciare mode in realtà viste e riviste ha stancato. Quando vado in discoteca a fare delle serate mi offrono spesso delle bottiglie di champagne. Io a quel punto guardo il cameriere e chiedo una minerale gasatissima. Mi guardano in maniera stupìta.

Però vedo che poi qualcuno mi imita. Il piacere può essere procurato in molte maniere. La canna e l’alcol sono di per sé una regressione infantile, durano da troppo tempo, adesso basta». Bere con piacere e moderazione o addirittura non bere proprio per riappropriarsi del divertimento vero, senza pregiudizi.”

QUI SOTTO MAURO CORUZZI “PLATINETTE” CON IL RITRATTO FATTOGLI DALLE TESTEDIALKOL

DSC08567

matteo-platy-giovanna

0

 

Testadialkol sbarca sulla web-tv

Prossimamente il progetto delle testedialkol sul bere consapevole sbarca nella trasmissione in streaming tv del sito www.direttaviola.it che dei giovani ed entusiasti giornalisti fiorentini hanno creato per parlare di sport e di Fiorentina in particolare. Sarà creata una trasmissione che con la sua viralita’ permetterà a tutti i frequentatori del web di conoscere meglio i personaggi famosi che sostengono il progetto autofinanziato delle testedialkol che conta oramai oltre 10mila studenti in tutta Italia. Per maggiori info su ultimissime news (in tempo reale) diventa frequentatore della pagina Facebook “testadialkol” che ha raggiunto già il considerevole numero di oltre 25mila clic!

PUZZLE DIRETTAVIOLAdiretta-viola-spille GALASSIA VIOLA PROCLAMA IMG_7148

FORZA MISTER PRANDELLI!

Il Mister  consapevole

Mister Cesare Prandelli non ama le mezze misure: “- se bevi troppo non metterti alla guida e passa le chiavi ad un amico…sincerati pero’ che anche lui sia in grado di guidare!” Cesare sostiene la campagna sul bere consapevole dal 2010 e si è fatto fotografare con l’alcoltest in bocca (vedi foto in basso) perché crede fermamente che la prevenzione sia alla base di tutto! Quindi se fate le testedialkol e quella sera non siete riusciti ad usare la testa per divertirvi, ricordatevi di farvi la prova del palloncino; li trovate nei locali dove siete con gli amici oppure ve li regaliamo noi!                                                  

Prandelli SPILLA AZZURRIseiazzurro - Copia - Copia (2)

PRANDELLI RIVISTA